La truffa

Non siamo arrivati fin qui per caso, per colpa di un destino cinico e baro. Siamo arrivati fin qui, a questa crisi sanguinaria, perchè una serie di “Globocrati”, così li hanno definiti il New York Times e L’Economist, ha messo a punto un progetto di distruzione delle democrazie partecipative a favore dell’ elitè capitalistica.

I Globocrati, sono quegli uomini che occupano posti di primo piano nella gestione del continente Europa, che non sono stati eletti da nessun popolo europeo, messi lì da potenti organizzazioni affaristiche, banche, holdings, agenzie di rating, al solo scopo di controllare che il processo di smantellamento delle democrazie sia portato a termine, per ricostituire il potere dei grandi capitali.

Non importa qual’è il danno. Saranno le popolazioni europee a pagarlo. E non solo in denaro.

Uno di questi è il banchiere e tecnocrate personale Jacques Attali, che in una conversazione con l’economista Alain Parguez, ex consigliere di Mitterrand, si lasciò sfuggire la piena verità sui nuovi “rentiers” con queste parole: «Ma cosa credeva la plebaglia europea? Che l’euro fosse stato fatto per la loro felicità?».

Altri potentissimi tecnocrati sono o sono stati Herman Van Rompuy, Olli Rehn,  Jaques Delors, o Lorenzo Bini Smaghi e Mario Draghi, e poi gli Juncker, i Weigel fra i tanti. Le loro mire erano, e sono tuttora, la distruzione di qualsiasi potere popolare democratico, e l’imposizione, anzi, il ritorno in Europa di un nuovo ordine sociale di tipo para-feudale, con a capo quelli che già Adam Smith e David Ricardo definivano nel ‘7-800 i “rentiers”».

“Rentiers” sono «i capitani neomercantili di multinazionali dell’acciaio, metalmeccaniche o dell’high tech franco-tedesche, le cui strategie di profitto hanno abbandonato la virtuosità del libero mercato reale e si basano solo sulla deflazione dei redditi dei loro dipendenti, cui succhiano la vita con pretese di produttività da collasso».

Questi burocrati, fanno tutti parte di alcuni dei clubs più esclusivi al mondo, come la Commissione Trilaterale ed il gruppo Bildeberg, clubs a cui partecipano i nostri Draghi e Monti, governatore della bce il primo, analista strategico di Morgan and Stanley e adesso presidente del consiglio italiano il secondo. Cosa stanno facendo questi signori per il popolo italiano? Niente. Il niente assoluto. Bisogna riconoscere che la partita che si gioca in Italia, con l’attuale classe politica ed il governo tecnico è piccola cosa, rispetto a quello che sta succedendo in tutto il continente. Ma Monti il suo compito, a favore del grande capitalismo, lo sta facendo seriamente. Non si potrebbe dire altrimenti pensando a quanto hanno combinato con l’art. 18. Era proprio la cosa più urgente da fare, in un momento come questo?

Evidentemente si, Monti ha detto : “C’è lo chiede l’Europa”. Perchè il disegno dei globocrati, mira ad indebolire le difese di una categoria enorme, quella dei lavoratori, al fine di privarla di qualsiasi mezzo per difendersi. Già da qualche anno, assistiamo all’impoverimento di ampie fasce di popolazione, con conseguente detrimento del benessere, della qualità della vita. E non sembra esserci soluzione, se non quella che riesamina i trattati Di Maastricht e di Lisbona. Perchè così come siamo messi non si può fare altro.

Lo hanno detto gli economisti del “Modern Money Theory”, un gruppo di americani di scuola keynesiana che hanno salvato l’Argentina dalla bancarotta,  secondo cui le politiche di “rigore” sono una truffa, una inutile sofferenza imposta a intere nazioni, costrette a rinunciare alla loro arma naturale di autodifesa: la moneta sovrana.

Già, l’euro. La moneta unica in Europa che in realtà non è di nessuno. L’euro è una esclusiva della bce, che la gira agli stati attraverso le banche commerciali che naturalmente applicano il signoraggio alle somme prestate.

Così adesso lo stato deve pagare per avere quel denaro che prima stampava da se ad un costo irrisorio. Vi pare poco? Comprando l’euro lo stato si indebita con terzi, che a fine del ciclo chiedono gli interessi, mentre questo non succedeva con la moneta sovrana. Stampata a prezzi bassissimi, crea un debito che lo stato non dovrà estinguere mai e che rappresenta la vera ricchezza dei cittadini.

C’è dell’altro, ma credo che questo già basti per iniziare a riflettere sulla truffa che si sta perpetrando ai nostri danni. Alla prossima

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...